Pages

28 ottobre 2013

Di ritorno da Alba e le dalle Langhe

Eccomi di rietro, dal bellissimo fine settimana, passato alla fiera del tartufo di Alba!
Cosa vi posso raccontare?
Alba e tutte le Langhe sono bellissime!
Paesaggi mozzafiato, che secondo me, acquistano davvero una luce stupenda in Autunno.
Tutte le colline ricoperte di vigneti, noccioli e boschi.
C'era una bellissima aria di festa, i banchetti con ogni lecornia per le vie di Alba.
Le cantine aperte per le degustazioni, (sono sincera: questa parte mi è piaciuta particolarmente),
il palatartufo, con i suoi trifolari, i produttori di cioccolato, tutti i viticoltori, le piccole aziende casearie con i loro formaggi.
Insomma, non solo tartufo.
L'ottimo cibo, il vino e la cordialità della gente delle Langhe, mi ha dato davvero tanto!
Persone vere, che amano il loro territorio e hanno capito quanto è importante la genuinità e l'unicità dei propri prodotti.
Ho girato per benino tutta la zona, Barbaresco, Neive, Serralunga, Barolo, La Morra, paesi uno più bello dell'altro, ognuno con una sua unicità.

Ovviamente, non poteva mancare il bottino culinario :-)
Tajerin, salamini al tartufo, salamini al Barolo, cioccolato, nocciole, il mio amato Castelmagno, funghi secchi, una bottiglia di Barbaresco e una di Barolo e, ovviamente, il mitico tartufo!
Non potevo esimermi dal prendere il tartufo bianco d'Alba, piccolino visto i prezzi,
e un bel tartufo nero autunnale, dal prezzo decisamente molto più economico!

Stasera proporrò al marito una classica cena Albese!
Andranno in tavola:
Tajerin burro e salvia e uova al tegamino, spolverati entrambi da una bella grattatona di tartufo bianco!
Anche se abbiamo mangiato benissimo (e tanto), il tartufo, aimè, non si conserva a lungo,
giusto qualche giorno, e non voglio correre il rischio che marcisca!!!

Non possono mancare le foto delle bellissime Langhe:















Ma non potevo lasciarvi senza raccontarvi e riportarvi la ricetta di una chicca che ci siamo concessi:

Abbiamo partecipato al Foodies Moments, appuntamenti che la città organizza ogni sabato e domenica, per tutta la durata della fiera.
Il nostro appuntamente era con Ugo Alciati, che ha proposto questa ricetta:

Cardo gobbo con pere e acciughe

Ovviamente non potevo non segnare passo per passo la preparazione del piatto :-)
Avrete bisogno di un cardo bianco gobbo, pere abate, acciuge sott'olio e pepe rosa.

Pulite per bene il cardo gobbo, una volta mondato tagliate le coste a pezzi di circa 10cm e mettetelo a cuocere in acqua bollente per 8 minuti, mi raccomando,  il bollore dev'essere bello vivace.
Sbucciate le pere e tagliatele a spicchi e, a parte, mettete a bollire anche loro per 4 minuti.

Nel frattempo, battete al coltello le acciughe, in modo da sbriciolarle.

A quest punto fate saltare in padella, con una noce di burro, i cardi, le pere e le acciughe con una spolverata di pepe rosa.

Se ne avete la possibilità, grattate sopra del tartufo bianco o nero, oppure potete aromatizzare con un filino d'olio al tartufo.
Alla fiera il piatto è stato accompagnato con uno spumante secco.
Ma per me anche un bel bicchiere di vinello rosso non troppo corposo sarà perfetto !

Ed ecco il risultato:





Posso garantire che è buonissimo!
L'amaro del cardo è bilanciato dalla dolcezza della pera e il salato delle acciughe si amalgama benissimo!

Insomma, non ero mai stata ad Alba e sono felicissima di esserci andata!
Io vi lascio il sito della fiera, che dura fino al 17 Novembre: Fiera del Tartufo di Alba
E nel caso vi venga voglia di andarci, vi lascio il nome del Bed&Breakfast dove abbiamo alloggiato noi: Agriturismo Cascina Giardini.
Andrea e i suoi genitori sono persone splendide, gentili, disponibili, simpaticcissime e il loro bed&breakfast è caldo, accogliente, pulito e curato, ve lo consiglio!

A presto, Marta.

2 commenti:

  1. Non ci sono mai stata, accidenti! Alcuni paesaggi mi hanno ricordato il Chianti... mi hai fatto salire la curiosità... d'autunno poi i colori sono ancora più esaltati... camminare tutto il giorno, andare in giro, scoprire... e poi la sera mangiare e bere bene... ah, che meraviglia... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, assomiglia molto al Chianti, è la stessa cosa che ho pensato io appena ho visto queste colline!
      Hanno anche la stessa cultura del vivere bene, mi affascinano queste vite così lontane dalla frenesia della grande città... un giorno di questi scapperò su una collina :-)
      Ti consiglio davvero una scapata... Si torna rigenerati :-)
      E con un paio di chili in più... ah ah ah !!!

      Elimina